Tira più un carro allegorico che…

carnevale-diano-marina-chiappori

“Diano Marina è una città particolare dove ogni tanto nascono cose che impazziscono come la maionese”.
Questa massima non è del filosofo ungherese Jozsef Puskas autore del libro “Sociologia e salse cremose”, ma del sindaco “filantropo” di Diano Marina Giacomo Chiappori.

Una metafora gastronomica arrivata alla fine della conferenza di presentazione del “Carnevale che doveva essere senza carri ma visto che su Facebook tutti volevano i carri allora ci rimangiamo tutto e pigliatevi sti carri 2015“.

Ma perchè erano stati tolti i carri?” ci chiede Margherita Anselmi vedova di Umberti Calcari, imprenditore cuneese morto nel 1982 investito da un carro allegorico.

Cara Margherita, i motivi principali erano due:

  1. Scarsa sicurezza – le strade del tour allegorico in alcuni punti non sono abbastanza larghe (in alcuni casi anche per la presenza dei dehors).
  2. Manodopera carente – da qualche tempo la Famia Dianese lamenta una scarsa partecipazione alle attività dell’associazione (allestimento carri compreso) da parte della cittadinanza.

Ma Giacomino si è messo una mano sul cuore e una sul mouse e ha risolto:

Non si tratta di un dietro-front perché questa Amministrazione ha fatto sempre e solo dei passi in avanti (risate stile Benny Hill). Si tratta piuttosto di una presa d’atto che le condizioni sono cambiate. Quando a dicembre abbiamo deciso, insieme alla Famia Dianese che è una Associazione benemerita, di proporre un Carnevale diverso rispetto al solito, era perché avevamo tenuto conto di una serie di problematiche, tra cui il venir meno della mano d’opera volontaria per la preparazione dei carri e non ultime alcune questione di sicurezza. Ora che le condizioni sono cambiate. […] Nei prossimi giorni verranno fatti i sopralluoghi e verranno fatti smontare i dehors che potrebbero comportare problemi di sicurezza.

Ma il problema manodopera resta ed è lo stesso Giuliano Ardissone, presidente della Famia Dianese, a ribadirlo “Continuo ad aspettare persone che vengano ad aiutarci, noi siamo all’opera tutte le sere al capannone sull’Argine”.

Anche sul fronte sicurezza i cambiamenti sono relativi “Togliere qualche dehor non rivoluziona la situazione. Se il problema è la sicurezza allora bisogna considerare anche marciapiedi, alberi, cavi elettrici e quant’altro. Ma forse il problema non era tanto la sicurezza quanto qualcos’altro, ma era più comodo giocarsela così” dichiara un ex amministratore dianese che chiede di restare anonimo.

Quindi cosa è cambiato veramente da dicembre ad oggi?
Lo abbiamo chiesto ai dianesi (che quando c’è da arrabbiarsi per cose tipo la ‘ndrangheta hanno sempre judo ma quando gli tocchi il carretto allegorico si incazzano come delle iene e ti bruciano il comune), queste le risposte:

25% l’anno
24% l’anno e il mese
20% l’anno il mese e forse il giorno
14% la Famia Dianese ha minacciato di coprire di cartapesta le auto degli amministratori.
12% la ‘ndrangheta aveva il carro pronto
5% ho judo
3% non sa, non risponde

Preparate quindi l’abito di scena, ma attenti alle notifiche su Facebook, una manciata di commenti negativi potrebbe rivoluzionare tutto.

Dopo aver letto questo post mi sento?
  • Entusiasta
  • Soddisfatto
  • Divertito
  • Indifferente
  • Deluso
  • Arrabbiato

Condividi questo articolo:


banner-pirl-harbor-diano-marina

Commenta l'articolo

  • WordPress
  • Facebook

6 commenti su “Tira più un carro allegorico che…

  1. dianese

    io non sono stato contattato per il sondaggio, voglio spiegazioni :)

  2. Lucia

    Voi dimenticate la sollevazione popolare quella volta che hanno smodificato l’ordine dei banchi al mercato!
    Non è vero che il dianese è menefreghista.

  3. Adam Kadmon

    Secondo me ci sono dietro quelli di Bilderberg e i rettiliani!

  4. Pingback: l’elezioni a diano marina … dajeee/Imperia, l’ok al PEF rifiuti: differenziata al 45,6% – Imperia notIZIE" chiappet E SATIRA's

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>