La settimana “tout court” #18

carnevale-diano-marina-2015

Carnevalata dianese

A Diano Marina volevano la botte piena, la moglie ubriaca e una bottiglia di ammazzacaffè gratis… la 50ma edizione del Carnevale Dianese non vedrà sfilare i celebri carri allegorici. Motivi di sicurezza, dicono.

In pratica gli organizzatori (Famia Dianese, ndr) chiedevano la rimozione dei dehors per motivi di sicurezza, i commercianti chiedevano il mantenimento dei dehors per motivi di lucro, il Comune ha deciso che “Sfilerà la giunta che è già abbastanza allegorica”.



Giacomo il censore

In poche parole… il sindaco di Diano Marina Giacomo Chiappori querela Christian Abbondanza e Casa della Legalità Onlus per aver pubblicato le inchieste sulle presunte infiltrazioni mafiose dianesi sul sito dell’associazione.

Il giudice da ragione ad Abbondanza ma Aruba.it, il provider che fornisce lo spazio web, comunica l’intenzione di sospendere il servizio (Chiappori avrebbe contattato direttamente il provider scrivendo che gli articoli e la relazione della Direzione Nazionale Antimafia “violerebbero i diritti e le libertà del Comune di Diano Marina”).

Qualcosa non torna!? [la storia completa qui]



Gambizzati ma anche no

Francesco Cordì, 45 anni consigliere di maggioranza di Camporosso, e il titolare del bar “Degli amici” vengono picchiati a sangue (ma poi smentiscono) e poi gambizzati (ma poi smentiscono).

L’episodio sarebbe avvenuto già nella mattina di mercoledì intorno alle 10.30 ma in ospedale sono arrivati solo alle 23.00 (???).

Naturalmente nessuno si è accorto di niente nonostante il tutto sia avvenuto in pieno centro. E’ un mondo difficile!

PS: il bar “Degli Amici” era stato bruciacchiato già un anno fa.



Facciamo gli indiani

Caro ministro della Difesa Pinotti, ci conosciamo da molti anni pertanto sa quanto seriamente credo che sia arrivato il momento di dare una risposta seria a questo popolo di stupratori di bambine e adoratori di vacche (gli indiani dell’India, ndr).

Giacomo Chiappori – Sindaco di Diano Marina


Dopo aver letto questo post mi sento?
  • Entusiasta
  • Soddisfatto
  • Divertito
  • Indifferente
  • Deluso
  • Arrabbiato

Condividi questo articolo:


banner-pirl-harbor-diano-marina

Commenta l'articolo

  • WordPress
  • Facebook

12 commenti su “La settimana “tout court” #18

  1. Anonimo

    bhe ,ma i bar avrebbero dovuto perdere tempo a levare i dehor e poi rimetterceli ? mi sembra assurdo ,i goliardi sono una colonna portante del golfodianese e il carnevale è sempre stato organizzato molto bene ,ma questa volta mi metto dalla parte dei bar , è assurdo chiedergli di smontare i dehor ,loro sono lì per lavorare e comunque il loro diritto a lavorare lo pagano per bene al momento delle tasse…..

  2. bastian

    C’era anche l’ipotesi del percorso alternativo ma non è stato trovato, ma a una soluzione si dovrà arrivare prima o poi se vogliamo far tornare i carri allegorici a Diano, o la rimozione dei dehor o la via alternativa. Certo le spese della rimozione non dovrebbero ricadere sul commerciante che già paga le sue buone tasse tutto l’anno.

  3. Giulio

    Una settimana molto incentrata sulle belinate del sindaco sceriffo, ha praticamente monopolizzato la cronaca locale con la sua smodata simpatia!

  4. Angelo

    Siamo in tanti a chiederci cosa faccia effettivamente per Diano questo sindaco che in estate potete trovare al Camping Ondina!!!

  5. MAUROC61

    Per fortuna c’è il nostro sindaco che ci aiuta di capire le dinamiche della politica internazionale con garbo e intelligenza ;)

  6. Doctor Who

    su Riviera24 il consigliere Edoardo Marino fa una bella fotografia sulla situazione di abbandono istituzionale in cui versa la nostra cittadina.

    Sig. Sindaco, circa un mese fa, segnalai in forma scritta e ufficiale ( protocollata) una perdita di acqua ( acqua potabile del nostro acquedotto ?) in v.Giaiette per farvi porre rimedio.
    A tutt’oggi, nulla è cambiato : la perdita di acqua con conseguente allagamento della via, persiste .
    Non pensavo ,che a distanza di tanto tempo, una segnalazione per ordinaria manutenzione potesse assurgere al “rango” di interrogazione ufficiale all’assessore e/o consigliere delegato interessato.
    Potete spiegarmi il perché di tale incuria?considerando che tale acqua dispersa la paghiamo noi cittadini dianesi?

  7. u megu

    convinciamo la paita a candidarsi a diano marina e rinunciare alla regione e prendiamo due piccioni con una fava

  8. dianese

    tra qualche anno, alla domanda “Ti ricordi Chiappori?” risponderemo “Si, quello che pubblicava belinate su Facebook!”.

  9. Luca

    Solo una cosa al sindaco di Diano Chiappori già sindaco di Villa, nota città europea…
    L’India é un subcontinente….
    E’ un subcontinente con una storia millenaria molto superiore a quella dei celti.. Difatti la popolazione Ariana arrivò prima in India che in nella penisola. Sviluppò una cultura che per millenni fu superiore alla nostra (sicuramente conosce la dinastia Gupta e ASOKA) prima di raggiungere l’apogeo con la dinastia Moghul di cui le sicuramente sa la storia . Poi infine, vittima di lotte intestine e di appetiti stranieri cadde in un torpore che l’ha portata ad essere sottomessa al impero di Sua Maesta la regina Vittoria.
    Adesso é la Più Grande Repubblica Del Mondo! E tu Sindaco di una città di circa 10000 abitanti dici che siamo un popoli a cui “piacciono” le bambine come pure le “vacche”? Tu che non mai ascoltato OPEN YOUR MIND degli USURA.

  10. maròliberi

    caro professor Luca (non so se lei sia veramente il professore ma il tono con cui scrive è certamente da saputello di sinistra), se vuole così bene agli indiani metta a disposizione la sua casa e li ospiti. Ci metta lei i soldi per mantenerli, compri loro gli ombrelli e la smetta di fare il filantropo.
    i nostri marò sono stati trattati da delinquenti e noi dovremmo ripagarli con la stessa moneta.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>