Caro Americo ti scrivo

americo-pilati-federalberghi-dianomarina

Caro Americo (Pilati – presidente Federalberghi, ndr),

Sono la tua Coscienza, visto che è un po’ che non ci sentiamo ho deciso di incarnarmi in una dattilografa e scriverti.

Da quasi un decennio presiedi la Federalberghi ma con quali risultati? Negli ultimi anni ho tentato più volte di convincerti a fare un passo indietro, persuaderti ad abbandonare quella carica traboccante di problemi, spingerti a ritirare quella tonda faccia dalla vita “pubblica”.

Tentativi vani… tu continui ad essere “il presidente” nonostante le continue debacle, gli errori in serie e l’ormai palesata incompetenza dell’indigena categoria degli albergatori che così goffamente rappresenti. Le ultime elezioni ed i successivi screzi ideologici con l’altra grande incompiuta (la confcommercio, ndr) ne sono l’esempio lampante. Siamo alla frutta marcia. Le battaglie contro i mulini a vento, che una volta servivano a salvare la faccia coi piccoli senza urtare la pazienza dei grossi, non servono più a niente. Siamo nel guano fino al collo.

americo-pilati-federalberghi.jpgChe senso ha dire no ad Aromatica perchè “se organizzata nei giorni 7-8-9 Giugno non porta un valore aggiunto al tessuto economico e turistico” quando manco più ad Agosto c’è un tessuto economico e turistico all’altezza?

Che senso ha lamentarsi della scarsa affluenza turistica natalizia quando l’offerta di intrattenimento (pubblica e privata) è ancora ferma alla tombolata?

Come albergatori avete fatto il vostro…
Avete raccolto il più possibile dando poco o nulla in cambio…
Avete risparmiato mesi di stipendi e contributi licenziando e riassumendo gli stessi dipendenti (poi via di indennità di disoccupazione)… avete ospitato migliaia di anziani alimentandoli a dado Knorr… avete spacciato la brezza marina per aria condizionata ma ora basta.

Come uomini (e donne) avete il dovere di farvi da parte, possibilmente molto da parte. E’ la tua Coscienza che te lo chiede, per il tuo, vostro e nostro bene. Per una volta ascoltami. Ti voglio bene.

la tua Coscienza

Dopo aver letto questo post mi sento?
  • Entusiasta
  • Soddisfatto
  • Divertito
  • Indifferente
  • Deluso
  • Arrabbiato

Sondaggio

Porto di Imperia - Che fare?
Vedi Risultati

banner-pirl-harbor-diano-marina

Commenta l'articolo

  • WordPress
  • Facebook

10 commenti su “Caro Americo ti scrivo

  1. Barbara

    considerato lo stato in cui versano le nostre poche strutture alberghiere ancora aperte, e per stato intendo sia la qualità delle strutture sia quella dei servizi (cibo, intrattenimento, convenzioni etc.), direi che hanno proprio fatto un ottimo lavoro.

    si capisce l’ironia ;)

    Barbara

  2. Paolo Resconi

    Hai scritto coscienza con la “i”, wow! Devi proprio essere una persona intelligente…vuoi essere anche la mia coscienza? Così magari un giorno potrò anch’io avere un blog di successo come il tuo!

  3. Lord CiccioLord Ciccio

    dalla Treccani:

    La grafia corretta è coscienza. In realtà, la i non si pronuncia e non serve neanche a indicare la corretta pronuncia del gruppo sc (che davanti a e si leggerebbe comunque con lo stesso suono di scelta). La sua conservazione si deve solo al prestigio del modello latino (conscientiam), che influenza anche la grafia della parola (e quella di derivati come coscienzioso).

  4. Paolo Resconi

    Sai Lord Ciccio, è tanto per me disonorevole quanto per te umiliante doverti dire che il mio era sarcasmo…uh aspetta, guarda come sono bravo, anch’io ho imparato a cercare i lemmi sulla Treccani, “Sarcasmo: Ironia amara e pungente, ispirata da animosità e quindi intesa a offendere e umiliare, che a volte può anche essere espressione di profonda amarezza rivolta, più che contro gli altri, contro sé stessi”. Continuiamo a essere non amici come prima? Però nel dubbio, ogni tanto sforzati di fare una risata.

  5. Lord CiccioLord Ciccio

    ok, conosci il significato di sarcasmo ma lo usi un po’ alla cazzo…
    comunque nessun rancore e non amici come prima caro Paolo “Pilati” Resconi (il “Pilati” è sarcastico)

    PS: una frase che mi fa molto ridere è “Americo Pilati presidente Federalberghi”.

  6. Paolo Resconi

    “Watch out, we got a badass over here!”
    Forse non sono simpatico come te e non me ne dispiaccio, ma, mi duole fartelo notare, il termine sarcasmo è stato usato pertinentemente…”alla c***o” qui è soltanto la tua sbagliata supposizione che sotto il mio nome si celi quello di Pilati. Una perspicacia giornalistica davvero invidiabile. Comunque non era mia intenzione scatenare una tenzone con te né, soprattutto, coinvolgere terzi; io ho soltanto commentato il tuo articolo per trollarti un po’, come si dice sul web, mi dispiace che ti sia risentito. D’altra parte aspettatelo insomma, fai satira su mezza ponente! Non confermare il luogo comune di quello che prende in giro gli altri ma non accetta di essere preso a sua volta in giro, le elementari sono finite da un pezzo…

  7. Lord CiccioLord Ciccio

    Caro Paolo Resconi, puoi prendermi in giro ad libitum, nessun problema e soprattutto nessun rancore (avrei messo un emoticon bellicoso).
    Perdona l’accostamento alla figura del Pilati ma mi stupiva il fatto ci fosse ancora in giro gente disposta a difenderlo (Americo e famiglia a parte).
    Comunque (se possibile) preferirei un “trolleraggio” più sulla sostanza e meno sulla forma.

    Con immutato affetto.

    PS: vado che inizia la replica dei Teletubbies.

  8. Rebby

    Lord ciccio, ma quanto sei strafottente da 1 a 10? E credimi non e’ un vanto esserlo! Se ti credi tanto furbo, prova a pensare chi posso essere e contattami. A tante inutili parole preferisco lo scambio di idee a quattr’occhi, sempre tu abbia la forza di guardare diritto negli occhi del tuo interlocutore. Nel frattempo, x non perdere altro tempo vitale, ti consiglierei di attivarti x fare qualcosa di serio x la ns Liguria, magari insieme a tanta arroganza possiedi pure una bacchetta magica, e quindi a differenza di Pilati, potresti fare un miracolo.

  9. Lord CiccioLord Ciccio

    Ciao Rebby (fu Paolo Resconi),
    sinceramente non riesco ad immaginare chi tu possa essere… mi dispiace.
    Comunque vedrò di allenare bene lo sguardo per fissarti meglio negli occhi (a meno che tu sia parente di Medusa, o peggio, privo di occhi).

    PS: fortuna che al mondo ci sono persone modeste, cortesi ed irreprensibili come te. Gente come me non merita di cambiare manco il Molise ;)

    con stima

  10. dianese

    per valutare in serenità il lavoro di tale enrico pilati basta vedere il tragico crollo dell’offerta alberghiera del golfo dianese. in venti lunghi anni riqualificazioni zero, offerte zero, adeguamento alle nuove forme di turismo zero. pilati è semplicemente stato il portabandiera di una categoria che negli anni è regredita a livello di locanda medievale, nessuna volontà di rinnovamento ed ora tutti a piangere miseria, meritata!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>