Piccole Ilva crescono

savona-vado-centrale

Non ci vogliamo far mancare proprio niente in questa sottilissima regione a ferro di cavallo.

Mancava un disastro ambientale ed ecco il disastro ambientale. La centrale a carbone di Vado Ligure è la nostra piccola Ilva. la Procura di Savona ha iscritto una decina di nomi nel registro degli indagati per l’ipotesi di reato di disastro ambientale (l’inchiesta per omicidio colposo è ancora in attesa di riscontri epidemiologici).

Nel mirino della magistratura e’ finito il management della società che gestisce l’impianto, la Tirreno Power (partecipata al 39 per cento da Sorgenia, società del gruppo Cir della famiglia De Benedetti. Al 50% c’è poi la Gdf Suez, al 5,5% la Iren, altro 5,5% per Hera.

Di seguito una parte dell’articolo scritto da Antonia Briuglia per Trucioli Savonesi:

L’inchiesta a Savona ora è ufficiale, finalmente se ne può parlare.
Sì perché nell’’indagine che la Procura della Repubblica avviava due anni fa, sui danni ambientali, provocati dalla centrale a carbone di Vado Ligure, si parla finalmente d’indagati.
I nomi? Non si conoscono. La Procura è in una fase delicata e non li vuole pronunciare.
Non si conosce neanche il numero preciso. Un giorno si dice cinque, un giorno dieci.
Non si sa se si tratti di tecnici, di dirigenti o altro. Si sa solo che prima erano ignoti e ora sono noti, perlomeno alla Procura di Savona.

Una cosa, però, è certa: è DISASTRO AMBIENTALE !!!!
Lo dichiara alla Stampa lo stesso Procuratore Granero, il 5 novembre scorso che però ritiene necessario, proprio per le indagini in corso, non svelare né i nomi né il numero esatto delle persone indagate.
Disastro ambientale: un’inchiesta che dovrà svelare, si spera presto, quali siano stati gli esecrabili comportamenti e le responsabilità che hanno portato, in decenni di combustione di carbone, a una mortalità e morbilità, nel nostro territorio, tanto superiori alla media regionale e nazionale.

Finalmente sapremo come dirigenti e tecnici della centrale, ma soprattutto tecnici pubblici, amministratori preposti a tutelare la salute pubblica, non agendo, come chi sarebbe stato tenuto a farlo, per un serio controllo delle emissioni in atmosfera a causa delle troppo lunghe e gravi distrazioni, hanno permesso che un intero territorio morisse.

continua su Trucioli Savonesi

Dopo aver letto questo post mi sento?
  • Entusiasta
  • Soddisfatto
  • Divertito
  • Indifferente
  • Deluso
  • Arrabbiato

Condividi questo articolo:


banner-pirl-harbor-diano-marina

Commenta l'articolo

  • WordPress
  • Facebook

Un commento su “Piccole Ilva crescono

  1. Minosse

    dopo anni di perizie ci hanno confermato quello che sapevamo già da una ventina di anni. come a taranto e come nella terra dei fuochi. chi dobbiamo ringraziare per questo?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>