Carige ghegè

banca-carige

Già vi vedo pettinati, profumati e ben vestiti recarvi nella filiale Carige più vicina con l’obiettivo di farvi erogare un piccolo prestito:

Direttore: Buongiorno, lei voleva un prestito vero? A quanto ammonterebbe la somma?
Cliente: 136 euro, dovrei pagare una rata della macchina.
Direttore: Caro sig. XXX, stiamo attraversando un periodo di crisi internazionale, il peggiore dagli anni ’70. La nostra banca non ha la possibilità di elargire prestiti di tale importo in questo momento. Sono molto dispiaciuto.

Nel mentre la Consob avvia un procedimento per l’ipotesi di profili di criticità nel bilancio d’esercizio. Un miliardo e trecento milioni di euro bruciati in nove mesi. Si muove anche la Guardia di Finanza che in un blitz preleva documenti su fidi per un miliardo. In una relazione degli ispettori della Banca d’Italia si sottolineano “l’eccessivo sostegno assicurato a un ristretto novero di posizioni” e ”i trattamenti di favore”. La Carige viene ribattezzata la “banca degli amici”. Tra gli “unti” Caltagirone Bellavista, Enrico Preziosi con le sue società (tra le quali il Genoa Cfc) e il gruppo Messina.

Agli amici degli amici vanno anche le poltrone… nel cda dell’istituto sono passati Giovanni Berneschi (assolto dall’accusa di aggiotaggio per la scalata Unipol-Bnl), Alessandro Scajola (vicepresidente e fratello di…) e Luca Bonsignore (figlio dell’europarlamentare Vito, nominato nelle intercettazioni telefoniche ai tempi dei furbetti del quartierino). Nella Fondazione il consuocero di…, Pierluigi Vinai (scajoliano, candidato sindaco Pdl a Genova con l’appoggio del cardinale Angelo Bagnasco). Nella controllata Carisa (Savona) Luciano Pasquale (definito da Scajola “manager di grande caratura”).

La prima testa a saltare è quella del presidente della Fondazione Flavio Repetto, sfiduciato ufficialmente per “avere provocato una consistente riduzione del patrimonio”, ufficiosamente per le tensioni con l’ex presidente Giovanni Berneschi (a schierarsi contro Repetto è stato il gruppo di 17 consiglieri di area scajolana). Intanto al grido di “facite ammuina” è stato nominato il nuovo amministratore delegato dell’istituto, Piero Luigi Montani. La designazione del nuovo Ad segue di poco un altro cambio al vertice, ovvero la nomina del Principe Cesare Castelbarco Albani, (console onorario del Granducato del Lussemburgo e graditissimo alla finanza milanese, Mediobanca in primis) alla presidenza del gruppo.

Quest’aria di cambiamento ha spinto il sindaco di Genova Marco Doria a far visita alla sede centrale della Carige… non gli hanno aperto.

Dopo aver letto questo post mi sento?
  • Entusiasta
  • Soddisfatto
  • Divertito
  • Indifferente
  • Deluso
  • Arrabbiato

Condividi questo articolo:


banner-pirl-harbor-diano-marina

Commenta l'articolo

  • WordPress
  • Facebook

Un commento su “Carige ghegè

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>