Imu a Diano!

luigi-basso-diano-marina

Chiamarsi Basso a Diano Marina non porta bene.

Dopo le vicissitudini politiche vissute da Angelino durante gli anni della sua amministrazione (con strascichi legali rimbalzati anche sull’attuale giunta Chiappori – caso Bozzano e questione GM in primis) ecco spuntare Luigi (detto Giggi dal signor Alfredo Pasquali, assiduo frequentatore di un noto bar del centro):

L’Assessore ai Tributi del Comune di Diano Marina, ovvero colui che dovrebbe dare la caccia agli evasori dell’Imu, risulta residente, in affitto, in un appartamento dove ha anche lo studio legale. Ma l’alloggio, al catasto, è classificato come abitazione e non come ufficio, con un bel risparmio sul fronte tasse e in particolare Imu. da Repubblica.it

Ma Giggi non ci sta, la colpa non è sua, lui è semplicemente il locatario… la colpa è del locatore, è lui che non ha classificato l’alloggio come ufficio, è lui il truffaldino che lucra a spese della collettività!

“Ingiustizia!!!” urlerebbe un signore di Bergamo dopo un rigore netto non fischiato all’Atalanta.

Ma la questione, con il passare delle ore, si fa sempre più complessa.

Dopo le prime telefonate dei giornalisti Giggi decide di fiondarsi al Catasto perchè vuole fare chiarezza, e da buon Assessore ai Tributi vuole punire il furbetto del magazzino. A questo punto il dramma… l’alloggio è intestato al padre di Giggi, un padre evidentemente senza cuore e senza anima, pronto a guadagnare alle spalle dei figli, capace di ingannare anche il sangue del suo sangue, di raggirare l’innocente  e sprovveduto avvocato Giggi.

Giggi, un moderno Isacco sacrificato sull’altare del Dio catasto.

Dopo aver letto questo post mi sento?
  • Entusiasta
  • Soddisfatto
  • Divertito
  • Indifferente
  • Deluso
  • Arrabbiato

Condividi questo articolo:


banner-pirl-harbor-diano-marina

Commenta l'articolo

  • WordPress
  • Facebook

Un commento su “Imu a Diano!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>