Viabilità dianese

diano-marina-multe

Tutte le strade portano a Roma ma non passano per Diano Marina, anche perchè a Diano Marina le strade non portano più da nessuna parte.

L’ultima rivoluzione viaria ha letteralmente cancellato Via Andrea Doria… un container ha occupato la carreggiata e diviso la strada in due moncherini. Viabilità interrotta per qualche giorno (recitavano i cartelli già scomparsi) senza informare preventivamente nè i residenti nè tantomeno i commercianti che si sono visti recapitare il pacco prefabbricato senza possibilità di dire “Beh!”.

via andrea doria

Il sindaco Angelo Basso, (ancora in fuga da capitan Ventosa, ndr), raggiunto telefonicamente da un nostro collaboratore ha elogiato le caratteristiche organolettiche dei “Dian” e criticato la stampa bolscevica.

L’assessore alla viabilità Roberto Manduca si dice stupito “Non è la prima volta che autorizziamo una minchiata, i dianesi dovrebbero saperlo. Nel contempo vorrei esaltare le qualità organolettiche dei Dian”.

UPDATE: i lavori continuano, c’è la data di inizio lavori ma non quella di fine… come al solito… quello di via Andrea Doria resta l’unico cantiere con un container bifamiliare come cesso.
Da guinness dei primati.

No al nuovo cantiere in centro da La Stampa del 22-02-2010
In poche ore e’ diventato il «cantiere della discordia»: la strada nel centro cittadino e’ bloccata, e tutto per i lavori di recupero di un sottotetto a uso abitativo. Succede a Diano Marina, dove a far discutere e’ un cantiere in via Doria, tra piazza Jacopo Virgilio e l’isola pedonale. A far arrabbiare i commercianti della zona sono gli interventi di ristrutturazione a meta’ circa della via: «Nessuno ci ha avvertiti – dice Matteo Ricci, titolare della trattoria Cavalleri, in piazza Pisani – all’improvviso abbiamo visto il nuovo cantiere, con una specie di container che occupa la strada. E i lavori non finiranno presto: in base all’ordinanza della Polizia municipale ci vorranno due mesi. Si tratta di un lavoro privato, e non ci sembra nemmeno di una grande complessita’. Eppure il cantiere ci sembra davvero piuttosto invadente. Ne risentiranno la viabilita’ della zona e le attivita’ commerciali. Il Comune non poteva pensarci? ». L’assessore alla Viabilita’, Roberto Manduca, osserva: «Ho contattato i tecnici che si occupano dei lavori: gli spazi occupati sono quelli necessari. Certo, capisco i disagi». Il cantiere non e’ piaciuto anche ai sostenitori della Lega Nord: «oscura» la nuova sede della sezione locale del Carroccio, che in vista delle prossime elezioni regionali e provinciali dovrebbe essere inaugurata nei prossimi giorni: «I lavori a fianco della nuova sede? Non sapevamo nulla – dice il portavoce della Lega Nord Fabrizio Brogi – valuteremo se sara’ necessario utilizzare una sede diversa almeno durante il periodo degli interventi».

Dopo aver letto questo post mi sento?
  • Entusiasta
  • Soddisfatto
  • Divertito
  • Indifferente
  • Deluso
  • Arrabbiato

Condividi questo articolo:


banner-pirl-harbor-diano-marina

Commenta l'articolo

  • WordPress
  • Facebook

6 commenti su “Viabilità dianese

  1. nicola

    tra sensi unici, multe e isole pedonali le gambe sono diventate il mezzo di trasporto più conveniente.

  2. Anonimo

    L’ORIGINE DEI DIAN
    La storia dei Dian parte dall’idea di un cuoco che, avendo avuto esperienze di lavoro nelle più blasonate famiglie genovese, decise di inventare un nuovo corzetto. Modificò la forma tonda in ovale e lo dispose a corona formando un fiore. Per il condimento si avvalse della “pèrsega“, ovvero la maggiorana, tipica erba aromatica della zona.
    Nell’ottobre del 2009 i Dian sono arrivati anche in Parlamento, durante il Convegno “P.A.N. Prevenzione Alimentazione Nutrizione, Signora Dieta Mediterranea: più di cinquant’anni … ma non li dimostra“, proposti dal Sindaco del Comune di Diano Marina durante la presentazione della sua relazione.

    LA RICETTA
    Ingredienti:
    500 g di Dian
    uno spicchio d’aglio di Vessalico
    foglie di maggiorana (7-8 rametti)
    mollica di pane (50 gr)
    30 gr parmigiano reggiano
    5 gr. pecorino sardo
    100 gr. ricotta aromatizzata con sale, pepe, timo e basilico.
    1 uovo sodo
    olio extra-vergine d’oliva

    Preparazione:
    Prepara la salsa “pèrsega” schiacciando l’aglio nel mortaio, aggiungi le foglie di maggiorana, il sale e amalgama bene il tutto. Metti la mollica del pane in ammollo nel latte e poi strizzalo, aggiungi nel mortaio il pane e i formaggi, un pò di olio. Passa al setaccio il tuorlo dell’uovo sodo, mentre con l’albume prepara una brunoise.
    Nel frattempo cuoci i Dian in acqua bollente.
    A cottura terminata, versa la salsa sul piatto di portata e adagiaci sopra i Dian a corona, formando un fiore. Al centro riempi con la ricotta e cospargi con del tuorlo grattuggiato. Infine spargi sul bordo del piatto la brunoise di albume e decora con un rametto di “pèrsega”.

  3. sparalesto

    perchè lamentarsi?
    abbiamo un servizio pubblico che supplisce in modo esemplare alla carenza di spazio e parcheggi!
    ok, smetto di farmi le canne.

  4. Luciana

    Ma qualcuno ha più visto il sindaco Basso in giro per Diano?
    Io lo vedo solo in fotografia su qualche giornale amico ma sono solo foto di repertorio.
    voglio vedere chi ha il coraggio di presentarsi alle elezioni del prossima anno di quella cricca!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>