Al secolo XIX… tanti anni fa

secolo-xix-prima-pagina

Ah, il Secolo XIX!
Ha ragione Angelo, non è più un giornale, è l’organo ufficiale del Popolo della Libertà.
Quotidiani spot elettorali, epiche narrazioni di gesta eroiche compiute da amministrazioni illuminate, da sindaci impavidi, da assessori baldanzosi.
Un’ode infinita arricchita di foto e bonus track commoventi.
Ultima in ordine di tempo la cronistoria della cena del sindaco di Imperia Paolo Strescino a casa Gizzi.

Ma analizziamo i contenuti (in corsivo l’articolo del secolo):

In mano le due bottiglie di vino promesse: Malvasia dell’Oltrepò Pavese che ben si abbinano col menù di pesce che i Gizzi e il sindaco hanno consumato come tra vecchi amici.
Tra vecchi amici poi!!!! Mi sembra di leggere le cronache degli incontri internzionali di Silvio Berlusconi.

La famiglia di Alessandro Gizzi ha ospitato il primo cittadino presso l’appartamento del padre in una dignitosa palazzina di via IV Novembre a Castelvecchio.
Per la serie “poveri ma belli”, che tesoro Strescino, abbassarsi a cenare con dei pezzenti.

Il padre Giuseppe, infatti, nato nel 1935 e originario di Senerchia (AV)
…e pure terroni!

Alessandro Gizzi ci ha detto:«Stamattina ho partecipato alla manifestazione a fianco dei lavoratori di Ponticelli, poi ho accompagnato mio padre all’ospedale per una visita per fortuna andata benone. Poi mi sono tuffato a capofitto nella preparazione della cena con mia moglie e le due mie figlie.
regia mi mandate l’errevuemme!

Moglie rumena Loredana Ionela Birgau
che non dicano che Strescino odia gli extracomunitari (non più extracomunitari nonostante una legge pro tempore dei suoi leaders, nonchè “vaters”, politici).

Molta emozione sui loro volti come del resto anche sulla faccia del giovane sindaco del capoluogo.
vuoi metterci la lacrimuccia, fa sempre audience

Alessandro Gizzi come dimostra la sua partecipazione alla manifestazione di ieri mattina di fronte alla Provincia a sostegno dei lavoratori di Ponticelli che stanno perdendo il posto, è un uomo di lotta.
Che uomo Strescino, mangia coi comunisti.

Ha detto Gizzi «Non nascondo che alle ultime elezioni ho votato per Paolo Strescino. Per lui ho anche aperto un gruppo di sostegno su Facebook”
Come non detto!

Un racconto sobrio, non vi pare?

Dopo aver letto questo post mi sento?
  • Entusiasta
  • Soddisfatto
  • Divertito
  • Indifferente
  • Deluso
  • Arrabbiato

Condividi questo articolo:


banner-pirl-harbor-diano-marina

Commenta l'articolo

  • WordPress
  • Facebook

8 commenti su “Al secolo XIX… tanti anni fa

  1. GUIDO SURF CAMALLI

    il divano di casa mia il nuovo sindaco di casa mia ha una proposta.

    “caro sindaco vorrei invitarla a casa mia, molti dei miei elettori son curiosi di questa nuovo modo rapportarsi con gli elettori, caro sindaco del enorme metropoli tentacolare chiamata col nome imperia, i miei elettori si chiedevano , ma perchè non fare un enorme tavolata, con tutti i cittadini di imperia, sia di destra che di sinistra, perchè non rilanciare il turismo con cene a tema, ogni settimana, perchè non ravvivare, il così noioso clima politico imperiese, con una cena in comune, dialogando come lei a auspicato ad inizio della sua legislatura, anche io spero che queste cene servino ad qualcosa, invito anche l’opposizione ad fare cene con amici, (giorgio io mi prenoto subito) con i loro elettori e non, insomma finalmente un sindaco moderno al passo coi tempi, capace, una figura importante, per questa città imperiese, che a parere del divano stà attraversando davvero un brutto periodo, io divano vorrei davvero invitarla a casa mia, purtroppo ( ed non so come la prenderebbero i miei genitori), mi sa che la lista è piena, mi auguro un sereno lavoro alla sua ammistrazione, mi auguro si valorizzino le ricchezze che ancora possiede questa nostra città, con l’augurio che da domani si dialoghi con tutti e si possa essere felici”

    il divano il nuovo sindaco di casa mia spero presto in un gemellaggio ed se lo offesa le chiedo scusa

    buon lavoro sindaco di tutti gli imperiesi democraticamente eletto

  2. Lorenzo

    Quale organo ufficiale? tra escort e bustarelle di certo non il cervello!

  3. Anonimo

    Che cuore d’oro il nostro sindaco, ho pianto leggendo l’articolo, ma come si chiama il giornalista? Emilio Fede?

  4. Sacramentu

    quando la prossima cena? non vedo l’ora di leggere il secondo capitolo di questa emozionante saga. grazie david e grazie secolo xix, ma la prossima volta vorrei anche uno speciale di imperia tv.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>