Camalli

camalli-genova

Cade il mito dello scaricatore di porto genovese, quello del muscoloso e burbero camallo. Infatti ora i lavoratori della Culmv, la compagnia unica dei portuali, hanno tra loro anche un transessuale, Valentina già Marco C., 31 anni.

“Nan (ragazzo), se ti veu cangià no gh’é problema: ma ti devi travaggià”, gli ha detto il mitico Paride Batini, storico console della Culmv. Marco C. – riporta il Secolo XIX – lavora alla Culmv dal 1999, dopo che per una vita il padre aveva fatto lo stesso mestiere. Cinque anni fa ha cominciato a percorrere il lungo percorso per il cambiamento di sesso ed è diventato Valentina, vaga somiglianza con il personaggio di Crepax con capelli a caschetto neri e unghie lunghe.

Dai tempi di Bartolomeo Pagano, un camallo dei primi del Novecento diventato famoso per aver interpretato il ruolo di Maciste nei film muti, il lavoro di scaricatore portuale è cambiato. Non più sacchi sulle spalle ma muletti e gru per movimentare le merci, oramai stivate nei container.
Tuttavia nell’immaginario collettivo lo stereotipo dello scaricatore nerboruto, sudato e sporco è rimasto.

“Conosco altre persone nella mia stessa situazione che hanno perso il posto di lavoro quando hanno cambiato il loro modo di essere – ha detto Valentina, che fa lo stivatore – licenziate perché molte persone non sono disposte ad accettare e ancor meno a capire. Io sono stata fortunata”.

Dopo aver letto questo post mi sento?
  • Entusiasta
  • Soddisfatto
  • Divertito
  • Indifferente
  • Deluso
  • Arrabbiato

Condividi questo articolo:


banner-pirl-harbor-diano-marina

Commenta l'articolo

  • WordPress
  • Facebook

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>