Campagne

agave

Riceviamo e pubblichiamo una mail inviata alla nostra Redazione dal Responsabile Provinciale del gruppo politico “Verdi – il sole che ride sotto i baffi” in riferimento ad un fatto di cronaca accaduto la scorsa notte in quel di Cervo Ligure.

cervo-ligure-agave-suicida

Cara Redazione di Servellu.it,
vi scrivo in merito al macabro ritrovamento di una pianta d’agave priva di vita sulla ss Aurelia al confine tra Cervo Ligure ed Andora. Disgrazia? No, suicidio! La pianta, da tempo in cura presso uno psicologo per una forma grave di depressione dovuta alla selvaggia cementificazione in atto in tutta la regione, avrebbe compiuto l’insano gesto come forma estrema di protesta. Secondo i primi accertamenti l’agave si sarebbe lasciata cadere dal costone precipitando violentemente sull’asfalto.

Una fine drammatica! Scioccante!

Ma solo la punta dell’iceberg! Sarebbero infatti molte, secondo le stime dell’ASL Imperiese, le piante in cura presso specialisti. Il gruppo provinciale “Verdi – il sole che ride sotto i baffi” non vuole assistere inerme a questa immane tragedia. Non intendiamo abbandonare al loro triste destino queste innocenti piante. Non vogliamo essere complici di questo vergognoso massacro vegetale.

Noi dei “Verdi – il sole che ride sotto i baffi” non ci stiamo ed è per questo che chiediamo a voi cittadini di aiutarci aderendo alla campagna “Metti del Prozac nel tuo concime”. La macchia mediterranea ha bisogno del tuo aiuto!

Luigi Balzo Responsabile Provinciale dei “Verdi – il sole che ride sotto i baffi”

Dopo aver letto questo post mi sento?
  • Entusiasta
  • Soddisfatto
  • Divertito
  • Indifferente
  • Deluso
  • Arrabbiato

Condividi questo articolo:


banner-pirl-harbor-diano-marina

Commenta l'articolo

  • WordPress
  • Facebook

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>